Interessante riflessione sui corsi di recupero

Cari colleghi e cari studenti ho trovato molto interessante questo articolo scritto sulla stampa dall’insegnante e scrittrice Paola Mastrocola.
Leggi

Il dibattito è aperto !

3 Risposte to “Interessante riflessione sui corsi di recupero”

  1. profepa Says:

    Ho appena finito gli scrutini e quindi di compilare schede di rilevamento delle carenze nella mia disciplina, schede riassuntive delle carenze rilevate, in tutte le discipline, per ogni studente.
    Ho attribuito qualche corso (pochi in verità) a quegli studenti che presentavano insufficienze gravi sapendo che comunque il tetto massimo di ogni consiglio era di un totale di 15 ore da diversi tra tutte le materie (pensate alle materie di un biennio di un tecnico commerciale).
    Ho votato una prima volta contro l’interruzione di una settimana del programma nelle classi e una seconda volta quando è stata introdotta una piccola variante.
    Che tristezza! Penso all’inutilità delle mie azioni e poco mi consola sapere che molti condividono il mio disagio… Niente da aggiungere a ciò che è esposto nell’articolo che non può che essere condivisibile: peccato che il motore che muove il mondo della scuola sia la facciata! 😦

  2. profema Says:

    20 anni fa, quando nessuno parlava di corsi di recupero, io chiedevo al consiglio d’Istituto di rimanere il pomeriggio per aiutare i ragazzi che avevano bisogno di un sostegno per le carenze nelle discipline. Allora forse funzionava: era un gesto strano, che risvegliava la loro libertà e metteva in moto il loro agire e sosteneva il loro impegno. adesso non ci credo più. Tutto è loro dovuto, le spiegazioni bis, ter e quater… e ciò li autorizza ad usare la scuola e le insegnanti come una tivù a pagamento con registratore incorporato… sempre a loro disposizione, e se si devono fermare per riposarsi o fare gli affari loro, rimettono indietro il registratore e la spiegazione ricomincia da dove avevano lasciato. Senza mai impegnarsi sul serio…
    Sono acida? Forse… Ma per il dispiacere di vedere buttare via tanto tempo, energie e capacità. (ndr: dei ragazzi ovviamente…)

  3. Crosta Says:

    Quoto in toto l’articolo della Mastrocola.
    I corsi di recupero pomeridiani, oltre ad essere di durata irrisoria rispetto ai “buchi” (“abissi” è troppo?) che dovrebbero colmare, richiedono ai ragazzi uno sforzo aggiuntivo di concentrazione sui banchi di scuola che, conoscendo i nostri polli (mi si passi l’espressione :-)) dubito fortemente possa essere di vero giovamento.
    E infatti nella mia scuola, dove i ragazzi stanno tutti i giorni dalle 8 alle 14 o alle 15, i corsi sono ben poco frequentati. In più, quando finisce il corso alle 17 – 17:30, per il rientro a casa, la maggior parte di loro impiegano dalla mezz’ora in su. Conseguenza? Tralasciano lo studio delle altre materie scavandosi altri “buchi”.
    Credo che sia invece molto più utile per loro, il così detto recupero in itinere: senza interrompere la didattica, semplicemente dedico un’ora a settimana a ripetere determinati argomenti per quei 5, 6 o10 studenti carenti, mentre per gli altri invento qualcosa che li possa divertire/distendere, oppure li metto a fare i tutori di quelli che devono recuperare.
    E’ chiaro che questo sarà sempre poco rispetto al reale fabbisogno, ma non è un difetto: come la Mastrocola sono dell’idea che bisogna far capire a questi ragazzi che venire a scuola non è come guardare la TV, ci devono mettere del loro per raggiungere l’obbiettivo dell’istruzione (obbiettivo che peraltro a volte sembra del tutto estraneo ai loro progetti 😉
    Il problema più grosso del recupero in itinere è semmai la sua impraticabilità per le materie con poche ore settimanali.
    Un saluto,
    profecri


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: