Max e min funzioni 2 variabili

Inserisco uno schema riassuntivo, sulla determinazione dei massimi e dei minimi, liberi e vincolati, di una funzione di due variabili. Naturamente è uno spunto per ripassare e non può che essere perfezionato…Qualsiasi indicazione o richiesta di chiarimento non può che essere utile!

Pubblicato su quinta, recupero. 18 Comments »

Compiti in classe

Questo è il compito della classe 3 APM sulla parabola e sulle disequazioni di secondo grado.

Questo, invece, è quello della 5 APM sulla retta interpolante e sui problemi di scelta in condizioni di incertezza.

Il miliardesimo posto

Considerate la successione di numeri naturali che si ottiene scrivendo una volta il numero 1, due volte il numero 2, tre volte il numero 3 e così via.
Quale numero occupa il miliardesimo posto in questa successione?

(Chi si lascia sfidare da questa domanda? Mi sa che anche Simone si ritrae… Se volete comunque parlare di libertà, guardate sulla barra destra in alto…)

Pubblicato su gioco. 5 Comments »

Libertà non è il volo di un moscone

Lo so che questo è un blog fatto da prof di matematica sulla matematica, lo so che ai tempi del video voi non eravate nati (e nemmeno qualche vostro genitore), ma… guardatelo e ascoltatelo. Non è per tutti, ma sono certa che qualcuno capirà.

PS La possibilità di lasciare commenti dovrebbe esserci sempre… 😉

Il ragionamento proporzionale

Il ragionamento proporzionale sembra essere l’unica risorsa in possesso dei nostri studenti quando si tratta di risolvere un problemino. Sembra che più che riflettere sul testo, capirlo e chiarirsi sulle richieste del problema, interessi arrivare rapidamente ad una soluzione (o pseudo soluzione) e possibilmente numerica. Un problema, in genere, non è un esercizio ripetitivo in cui si ha solo l’applicazione di una regola, ma prevede una strategia di risoluzione. I problemi precedenti (“la corsa” del problema facile facile e “le due amebe” di un altro problema) , poi, sono un esempio di come un ragionamento lineare possa essere falso…

Le due amebe

In questo caso, probabilmente, la risposta che viene spontanea è “mezz’ora”. Magari il ragionamento più immediato è il seguente: “partendo da una ci vuole un’ora, se sono due in partenza ci vorrà la metà del tempo…” Però, se ci si riflette sopra, ci si accorge del fatto che se all’inizio c’è un’ameba, ce ne sono due dopo tre minuti, e per riempire il vaso mancano ancora 57 minuti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: